Cocktail a base di vodka, succo di pomodoro, salsa worchestershire e spezie, il Bloody Mary vide la luce a New York per la prima volta negli anni trenta del diciannovesimo secolo, pare da un’intuizione dello statunitense George Jessel.

La “bloody Mary” che ha ispirato il nome sembra essere Mary Pickford, sensuale star di Hollywood.

Rientra tra i cocktail ufficiali della International Bartenders Association.